Lo stato dell’E-commerce nel 2022

L’e-commerce nel mondo

4,95 miliardi sono gli utenti che accedono ad Internet nel mondo, oltre il 62% della popolazione totale mondiale. La maggior parte degli utenti di Internet utilizza i dispositivi mobili per connettersi e per il primo anno gli acquisti mobile mondiali hanno superato quelli desktop. Il mobile rappresenta in media il 54,79% del traffico mondiale, mentre il 42,73% proviene da desktop e il 2,48% da tablet. Questo significa che se il tuo sito web non è ottimizzato per la navigazione da mobile devi correre ai ripari?

Come? Attraverso un’azione di restyling: il tuo sito viene riadattato in base alle nuove richieste del tuo mercato, alle esigenze dei tuoi utenti e ai nuovi obiettivi aziendali. Un sito web deve soddisfare l’esperienza di navigazione ma anche l’occhio del potenziale cliente, catturando la sua attenzione attraverso layout tanto belli quanto funzionali.

Vendite al dettaglio da e-commerce nel mondo

[Fonte grafico: eMarketer, Gennaio 2022]

Il 2022 vedrà l’e-commerce mondiale superare la soglia dei 5mila miliardi di dollari di fatturato con un euro su cinque spesi sul retail online. Una crescita che aumenterà ancora visto che almeno per i prossimi tre anni il fatturato mondiale e-commerce crescerà a due cifre. Gli acquirenti mondiali hanno ormai superato i 3,78 miliardi aumentando nel solo 2021 di circa il 10% con 344 milioni di nuovi acquirenti online.

Tasso di penetrazione dei principali settori

Quali sono i settori con i maggiori incrementi in termini di fatturato a livello mondiale?

  • Elettronica (12,5%)
  • Moda (17,5%)
  • Bellezza e Salute (21%)
  • Alimentari (37,8%)
  • Arredamento (12,5%)
  • Media (10,5%)
settori-ecommerce-2022

L’e-commerce in Italia

ecommerce-in-italia-nel-2022

Gli oltre 3 milioni e mezzo di nuovi clienti italiani, arrivati online negli ultimi due anni grazie ai lockdown, incidono sul fatturato che è cresciuto in un solo anno del 33% arrivando ad oltre 64 miliardi di euro nel 2021. Il problema principale rimane il fatto che in Italia non si investe ancora a sufficienza sull’e-commerce.

La spesa media per e-shopper italiani è ormai significativa, pari a 1.608 euro nell’anno [Ecommerce in Europe 2021, Postnord, 2022]. Ma è l’estero la componente importante: il 67% degli utenti ha acquistato online da siti esteri e praticamente la totalità ha acquistato tramite marketplace: il 95% su Amazon, il 46% su eBay e il 45% su Zalando. Gli Stati europei, compreso quello italiano, hanno iniziato a muoversi a tutela delle società (e del fisco) locali, tramite attività di boicottaggio e multe.

Al momento in Italia stiamo accusando i problemi del cambiamento di modalità di vendita, ma ad approffittarne sono le aziende oltralpe che vendono anche ai clienti italiani.

In Italia la diffusione dell’online tra la popolazione (dai 2 anni in su), nel mese di gennaio 2022, ha raggiunto quota 76,3% (+1,4% rispetto all’anno precedente) con 45 milioni di utenti unici mensili e un incremento di 300 mila.

Gli utenti che accedono da smartphone sono 38,9 milioni (il 90% della popolazione maggiorenne). Nel giorno medio sono connesse 33,6 milioni di persone e il 77,9% lo fa da smartphone, per un tempo medio di 2 ore e 16 minuti.

Nel 2022 gli acquisti online degli italiani aumenteranno del 14% rispetto al 2021 e raggiungeranno quota 45,9 miliardi di euro.

Trend dell'e-commerce nel 2022

nuovi-trend-ecommerce-nel-2022

L’integrazione tra negozio fisico e online

Sempre più negozi stanno progettando i propri spazi fisici con un modello di business integrato online. Ikea ha aperto il suo primo negozio di piccolo formato a Londra, dove i clienti potranno acquistare fisicamente solo metà dei circa 4mila prodotti esposti: i restanti articoli saranno ordinabili online grazie a chioschi multimediali.

L’utilizzo di totem all’interno del proprio punto vendita è la soluzione per fornire informazioni sui prodotti venduti ai visitatori in modo interattivo, orientandoli velocemente all’acquisto dell’articolo desiderato, grazie a una facile consultazione.

Realtà aumentata

La realtà aumentata permette di vedere il prodotto nel suo ambiente definitivo o indossato mentre si sta scegliendo. Alcuni esempi:

  • Ikea Place App permette di posizionare virtualmente un mobile nella nostra stanza
  • Dulux Visualizer App crea foto e video della propria stanza con i colori delle pareti ripitturate
  • Warby Parker di scegliere gli occhiali e vedere come stanno addosso.

 

Il Social Shopping si trasforma in Live video shopping

I social media che ancora non avevano le funzionalità di acquisto, come Twitter, le stanno inserendo. Il Live video shopping è il fenomeno di vendere live i prodotti online: è un’evoluzione del social shopping e delle televendite con la grande differenza del rapporto diretto con gli spettatori in tempo reale.

 

La sostenibilità dell’e-commerce

Il tema della sostenibilità è divenuto centrale su vari aspetti dell’e-commerce non solo per la richiesta da parte dei clienti, ma anche per una generale convenienza che può essere costruita. Si tratta di una tematica molto sentita tra le aziende italiane. Otto aziende su dieci infatti dichiarano di avere attività in corso rispetto agli obiettivi di sostenibilità. Le principali sono legate alla riduzione della materia utilizzata favorendo il riciclo in azienda e utilizzando un packaging e un prodotto sostenibile e riciclabile.​

Resta sempre aggiornato per far crescere la tua azienda

Per avere successo in questo nuovo mondo, le attività devono essere pronte ad adattarsi continuamente: solo così potranno assicurarsi di essere visibili in tutti i momenti cruciali delle ricerche delle persone. Tutto questo può tradursi nella realizzazione di un sito e-commerce con una buona interfaccia utente e ottimizzato per i dispositivi mobile.

Se vuoi ottenere i migliori risultati per la tua attività affidati a dei professionisti del web, per aiutare il tuo business a essere resiliente e a crescere a lungo termine.




Pubblicato il 6 Luglio 2022

Condividi: